Il Signore sa il numero delle stelle e le chiama ciascuna con il suo nome

By | gennaio 19, 2015

Uno dei falsi miti sugli Stati Uniti, e che sia ricoperto di grattacieli e che la gente sia distaccata dalla natura.
Infatti solo meno di un quinto della popolazione vive in grandi metropoli, la maggior parte risiede in ampi spazi dove la natura si incontra con l’urbanizzazione e viceversa. Sono comuni i casi di orsi o procioni che frugano nei bidoni della spazzatura, o di esseri umani che fanno jogging in mezzo alla foresta come nulla fosse.Tra i tanti vantaggi che questo comporta, vi è la possibilità di uscire in giardino la sera e osservare il cielo senza l’inquinamento luminoso che mi ricordo in Europa.

Così ieri, dopo tanto tempo che volevo farlo, ho scaricato un’App gratis “Star Chart” sul mio iPad e ho cominciato a osservare le stelle e i pianeti visibili e a confrontarli con la mappa, estremamente dettagliata e accurata. Ho potuto riconoscere il pianeta Giove, e altre stelle dai nomi tanto strani quanto affascinanti… come Azmidizke, Alphard, Mirzam… Sono prevalentemente nomi Arabi perché per quei popoli utilizzavano le stelle per orientarsi nel deserto o in mare aperto. La cosa interessante è che il Signore sa il numero delle stelle e le chiama ciascuna con il suo nome (Salmo 147:4-5, Isaia 40:26).
E questo mi riporta anche al concetto della natura come rivelazione generale della eterna potenza e della natura divina di Dio, come è scritto in Romani 1:20. “Sin dalla creazione del mondo si possono vedere le Sue qualità invisibili come la Sua eterna potenza e la Sua natura divina che si possono dedurre dalle cose che Egli ha creato”.
Quando potete, trovate uno spazio deserto privo di inquinamento luminoso e fermatevi a osservare la maestosità del firmamento, con o senza App per riconoscere le stelle. Perché ciò che importa è riconoscerne l’Autore e rendergli la dovuta gloria…

starchart

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *